Passa ai contenuti principali

POST dicembre 2018



Una vita fine a se stessa
di Donato Torreggiani

Se anche potessi ricordarmi del giorno esatto a cui far risalire l'inizio delle mie ricerche personali, devo riconoscere che in principio potevo valutare le cose solo in due modi, nel bene o nel male. A prescindere che per me ciò fosse giusto, dovuto certamente dai condizionamenti sociali, familiari o cattolici, per mia fortuna, giudicare la vita con un'ottica così ristretta mi ha fatto accorgere di quanto egoistico e presuntuoso rischiassi di diventare. Fossero anche azioni buone, quando una persona pensa solo a se stessa, secondo me viene a mancare quello spirito di umanità che ci distingue dal regno animale. Se pensiamo infatti alla definizione con la quale chiamiamo la nostra specie, l'essere umano, nell'affermazione è implicito il fatto che bisogna "esserlo". Essere un umano cosa significa! Per quanto mi riguarda ho compreso che l'affermazione non è così scontata, e che bisogna imparare ad esserlo, un umano, se non si vuole che il nostro istinto animale prenda il sopravvento.

Giudicare e astenersi dal compiere azioni sbagliate non è più sufficiente. Questa non è un'azione, non produce risultati e non consente di esprimere nulla di se stessi, e più dilaga l'ipocrisia, tanto più l'ego aumenta a favore di ogni tipo di logica individualista. Figuriamoci poi, quanto le questioni personali possono snaturare a certi livelli, fino a superare ogni limite di perversione, avendo se stessi è il proprio potere da difendere come unico riferimento. Ormai le persone giudicano da se stesse i loro comportamenti, si credono autodeterminanti ed accettano passivamente tutto ciò che accade, spesso associando l'inerzia ad un'azione benevola.

In ogni caso manchiamo di maturità, per questa ragione assumiamo spesso dei comportamenti egoistici e passivi, e i fatti della vita comune intesa come società lo dimostrano chiaramente. E un pò come se non fossimo pronti per vivere quello che nella nostra epoca siamo stati in grado di raggiungere, perchè ci sono moltissime situazioni reali in cui possiamo affermare quanto il nostro potenziale umano venga inutilmente sprecato e disperso. Una di queste secondo me riguarda le materie scientifiche in generale, fin troppo strumentalizzate e sfruttate in nome del bene comune, per soddisfare in realtà gli interessi di pochi individui. Ci sono delle ragioni che ho cercato di romanzare (in una prossima pubblicazione) al fine di comprendere meglio, o almeno una parte, chi a capo del branco gioca con il potere, ostacolando di fatto l'evoluzione equilibrata della vita di miliardi di persone.

" Sono più che mai convinto che sia abominevole dare un prezzo a qualcosa se veramente ciò rappresenta un bene per l'umanità "


Post popolari in questo blog

Post di Dicembre 2019

S T I M O L I       I N T E R I O R I


Provate a pensare ad uno dei posti più belli in cui siete mai stati. Ricordatevi dello stupore, l'emozione, dei particolari che vi hanno colpito così tanto da rendere quell'esperienza indimenticabile. È fantastico non è vero? Ora però, provate a pensare come sarebbe la stessa esperienza, se si avesse la possibilità di tornare nello stesso luogo tutte le settimane per un anno; continuerebbe ad essere la stessa meravigliosa esperienza? Obiettivamente il luogo in sè rimarrebbe meraviglioso, ma dubito che ogni settimana lo stesso luogo potrebbe farci sentire le medesime emozioni.
Riflettendo bene sull'esperienza ricordata, a quali conclusioni potremmo arrivare? Possiamo ancora considerare che ciò che abbiamo sperimentato fosse stato dipeso dal luogo? Forse dalle persone che erano con noi? Dal clima? Beh! intanto che ci pensate, una cosa molto significativa e bene non dimenticarla, ovvero che tutto quello che è accaduto, qualunque sia stata …

Post di Maggio 2020

ARTISTOCRATICI e PROGRESSISTI dalle Crociate al Covid -19
Lo sapevate che per un certo periodo di tempo, tutti i neonati appena partoriti venivano sottoposti a delle prove? Era una pratica priva di fondamenta e inutile anche solo da descrivere, che ad ogni modo se superata, si concludeva con il sommo giudizio di una commissione che valutando le forme, la bellezza, il colore degli occhi e chissà cos'altro, era in grado di stabilire se le qualità del neonato lo avrebbero fatto crescere forte è in buona salute. In caso contrario, anche quando si fossero passate le prime prove fisiche, i bambini che non superavano il giudizio finale venivano eliminati. Non ho aggiunto altri particolari, ma immagino che molti abbiano intuito a quale periodo si riferisca questa storia, tuttavia, senza le connotazioni specifiche non sarebbe assurdo ricondurre questo aneddoto ad una delle tante storie contemporanee, ad esempio sugli esperimenti avvenuti nei campi nazisti. Invece quella descritta, era una pr…

Post di Gennaio 2020

LO YOGA CHE NON E' YOGA
Negli ultimi anni non è insolito sentire le persone, riferirsi allo Yoga come a qualcosa che credevano fosse diverso. Dopo aver provato alcune lezioni, o dopo aver seguito un istruttore per alcuni mesi, accade spesso che le aspettative di chi si accosta a questa disciplina vengano disattese. Naturalmente ciò dipende in primo luogo dalla conoscenza che si ha della materia, per cui in assenza di questa, può capitare che una persona si faccia un'idea personale che poi non corrisponde alla realtà. Le informazioni esistono e sono facilmente reperibili, tuttavia, va considerato che quando una persona si accosta allo Yoga non lo fa mai per puro divertimento, le sue intenzioni confuse o meno che siano hanno un obiettivo preciso, che però non sembrano corrispondere con ciò che credevano che fosse lo Yoga.
Ed è un bel problema questo, perchè quasi nessuno possiede una corretta informazione sullo Yoga, ad eccezione delle proprietà riferite in un modo superficial…