Passa ai contenuti principali

Post Marzo 2019




LE BELLE STATUINE


PERCHE'? Perchè le persone dovrebbero decidere di percorrere il sentiero dello Yoga? E allo stesso tempo, perchè così tante persone lo stanno praticando?

Anche solo per sentito dire, che abbiate sperimentato in passato, o che stiate facendo esperienze pratiche in questo momento legate alla Disciplina dello Yoga, di sicuro non vi sarà difficile dare una risposta alle mie domande, deducendo che probabilmente la stessa motivazione è all'origine di entrambe le risposte.

Perchè seguire la Via, e perchè così tante persone la stanno praticando? Prendetevi ancora un attimo per riflettere prima di proseguire con l'aricolo..

Io non sono così convinto che la risposta sia la medesima, certo, ci sono analogie comuni, ma per una risposta adeguata serve esperienza, conoscenza, e metodi precisi; non opinioni.

Questo è un dramma! E infatti opinione comune che lo Yoga sia di base un metodo necessario al proprio benessere, ma vorrei far osservare che le opinioni sono solo un primo approccio e non rappresentano la totalità di una conoscenza. Dico sempre con i miei allievi, che se lo Yoga avesse come unica finalità quella di farci sentire bene, allora lo poniamo in relazione all'effetto di un massaggio rilassante, o di una passeggiata fra i boschi, e di mille altre cose.

Detto ciò, si può forse rispondere al perchè così tante persone lo stanno praticando, proprio come tante altre persone si fanno massaggiare o percorrono i sentieri del trekking. Con ciò però non si risponde alla prima domanda, la quale non può essere esaurita con un'opinione. Perchè percorrere la via dello Yoga?

Non si può negare che serva una buona dose di conoscenza per poter rispondere, anche perchè ciò pone in discussione la sua origine e le ragioni per le quali è stato trasmesso all'umanità. Tuttavia sono queste le ragioni, che accettate o meno, risponderebbero al perchè si dovrebbe praticare lo Yoga.

La pratica dovrebbe esprimere queste risposte, le Asana (posizioni) si dovrebbero assumere sulla base di una profonda conoscenza, mentre molto spesso vengono fatte praticare sulla base di una prestazione fisica, le cui difficoltà messe in relazione con la nostra condizione interiore, vengono erroneamente intese come ostacoli all'espressione del nostro Essere.

In questo modo non potrebbe essere diverso, praticando lo Yoga al pari di una prestazione fisica come fossimo tutti delle belle statuine, il grado di difficoltà raggiunto sarà sempre la misura con cui giudicheremo le competenze di chi ci insegna, un professionista, uno scalatore esperto! E non saremo mai al suo livello.

L'attività fisica sotto ogni forma fa benissimo, esorto chiunque a praticare qualunque cosa. Allo stesso tempo invito tutte le persone a valutare meglio le proprie considerazioni, come dovremmo fare un pò su tutti gli ambiti della nostra vita, cercando di distinguere le opinioni, pur condivise, dalla conoscenza.

Anche questa è pratica!


Post popolari in questo blog

Post di Dicembre 2019

S T I M O L I       I N T E R I O R I


Provate a pensare ad uno dei posti più belli in cui siete mai stati. Ricordatevi dello stupore, l'emozione, dei particolari che vi hanno colpito così tanto da rendere quell'esperienza indimenticabile. È fantastico non è vero? Ora però, provate a pensare come sarebbe la stessa esperienza, se si avesse la possibilità di tornare nello stesso luogo tutte le settimane per un anno; continuerebbe ad essere la stessa meravigliosa esperienza? Obiettivamente il luogo in sè rimarrebbe meraviglioso, ma dubito che ogni settimana lo stesso luogo potrebbe farci sentire le medesime emozioni.
Riflettendo bene sull'esperienza ricordata, a quali conclusioni potremmo arrivare? Possiamo ancora considerare che ciò che abbiamo sperimentato fosse stato dipeso dal luogo? Forse dalle persone che erano con noi? Dal clima? Beh! intanto che ci pensate, una cosa molto significativa e bene non dimenticarla, ovvero che tutto quello che è accaduto, qualunque sia stata …

Post di Maggio 2020

ARTISTOCRATICI e PROGRESSISTI dalle Crociate al Covid -19
Lo sapevate che per un certo periodo di tempo, tutti i neonati appena partoriti venivano sottoposti a delle prove? Era una pratica priva di fondamenta e inutile anche solo da descrivere, che ad ogni modo se superata, si concludeva con il sommo giudizio di una commissione che valutando le forme, la bellezza, il colore degli occhi e chissà cos'altro, era in grado di stabilire se le qualità del neonato lo avrebbero fatto crescere forte è in buona salute. In caso contrario, anche quando si fossero passate le prime prove fisiche, i bambini che non superavano il giudizio finale venivano eliminati. Non ho aggiunto altri particolari, ma immagino che molti abbiano intuito a quale periodo si riferisca questa storia, tuttavia, senza le connotazioni specifiche non sarebbe assurdo ricondurre questo aneddoto ad una delle tante storie contemporanee, ad esempio sugli esperimenti avvenuti nei campi nazisti. Invece quella descritta, era una pr…

Post di Gennaio 2020

LO YOGA CHE NON E' YOGA
Negli ultimi anni non è insolito sentire le persone, riferirsi allo Yoga come a qualcosa che credevano fosse diverso. Dopo aver provato alcune lezioni, o dopo aver seguito un istruttore per alcuni mesi, accade spesso che le aspettative di chi si accosta a questa disciplina vengano disattese. Naturalmente ciò dipende in primo luogo dalla conoscenza che si ha della materia, per cui in assenza di questa, può capitare che una persona si faccia un'idea personale che poi non corrisponde alla realtà. Le informazioni esistono e sono facilmente reperibili, tuttavia, va considerato che quando una persona si accosta allo Yoga non lo fa mai per puro divertimento, le sue intenzioni confuse o meno che siano hanno un obiettivo preciso, che però non sembrano corrispondere con ciò che credevano che fosse lo Yoga.
Ed è un bel problema questo, perchè quasi nessuno possiede una corretta informazione sullo Yoga, ad eccezione delle proprietà riferite in un modo superficial…