Passa ai contenuti principali

SPIRITUALITA' NEL 2000

 



A differenza di ciò che ad ognuno di noi pare logico pensare, ovvero di essere persone sufficientemente evolute ed autodeterminanti, in realtà per chi li sa vedere, coesistono dentro di noi molti tratti che non denotano dei segni distintivi, ma un conflitto tra diverse parti che lottano per prendere il sopravvento a seconda della situazione che stiamo vivendo. Come se non fossimo una cosa sola, o integra, e non è difficile riconoscerlo quando notiamo che in alcune circostanze della vita è l’insicurezza a prendere il sopravvento, mentre in altre situazioni analoghe manifestiamo tutto il contrario, come ad esempio avviene nel relazionarsi con gli altri. Per questo motivo a volte siamo più disponibili verso la vita, mentre in altre situazioni esplodiamo di gelosia e tendiamo a prevaricare manifestando ottusità, seguendo un turbinio di emozioni senza batter ciglio che prima ci solleva e poi ci schiaccia, trovando la cosa normale e spontanea, senza mai porsi nel dubbio di comprendere il ripetersi di certi schemi.

La vita è qualcosa che raramente dipende da noi. È una sorta di lotta che induce a destreggiarsi non tanto sulla base di ciò che desideriamo, quanto sugli effetti che particolari coincidenze manifestandosi producono su di noi. Quanto c’è di caratteriale nel condividere e donarsi quando le cose girano bene, o nell’essere ottusamente egoisti quando contrariamente tutto ci rema contro. È sicuramente molto più facile osservarlo negli altri, ma dobbiamo ricordarci che anche noi possiamo fungere da esempio per loro, per cui è implicito riconoscere che in ognuno di noi coesistono diversi aspetti, che in barba al principio di autodeterminazione, tendono a manifestarsi e a prendere il sopravvento a seconda delle circostanze. È inutile per non dire infantile continuare a giustificare tutto ciò, attribuendo al fato e al destino la responsabilità di quello che avviene fuori e dentro di noi, ma la mia accezione non vuole propendere al pessimismo, poiché le circostanze portano in evidenza anche tratti onorevoli della nostra individualità.

Fatto sta che se diverse e più cose ci caratterizzano, dobbiamo iniziare ad ammetterlo senza incolparci, cercando quotidianamente di osservare quando e quale parte di noi sotto intende in quel momento, e qualora fosse necessario, dobbiamo avere la forza ed il coraggio di prendere una posizione più consapevole in merito a ciò che stiamo vivendo. Quante volte senza muovere un dito ci siamo sentiti in lotta tra l’istinto e i principi morali, in conflitto tra i sensi fisici e il sentimento di talune esperienze, lasciando che fossero gli eventi casuali a determinare anche le nostre reazioni interiori. Voglio ma non posso, dovrei ma non riesco, lo capisco ma ho paura, fortunato te, sono fatto così, e ahimè purtroppo l’erba del vicino è sempre più verde. Sono davvero tante le cose che fanno parte di noi, e non serve avere una laurea per riuscire a distinguerle almeno in due gruppi primari, ovvero quegli aspetti che concorrono alla formazione della nostra personalità umana, ed altri che invece andranno a costituire la nostra individualità più profonda e spirituale.

Ed è solo la vita, intesa come il verificarsi di certe coincidenze a farci propendere verso i tratti della personalità più o meno nobili, o verso quei tratti riconducibili alla nostra individualità spirituale più o meno evoluta. In questo senso la vita è proprio quel terreno prezioso in cui coltivare le qualità di entrambe le parti, le quali non debbono necessariamente prevaricare l’una sull’altra, quando attraverso una mediazione consapevole possono invece sovrapporsi e rendere molto più complete ed intense le nostre esperienze. Ma non basta negare e reprimere i propri istinti perché non ci renderà certo migliori di nessun’altro, almeno fino a che continuiamo ad evitare di prendere una posizione nella vita per timore, per convenienza o per finto moralismo, continueremo a soffrire senza renderci conto che certe decisioni sono invece tappe fondamentali per la nostra evoluzione.      

Prestiamo quindi più attenzione agli istinti poiché potrebbero essi stessi divenire un limite, proprio come certi sentimenti che da un’intuizione si trasformano nella più ingenua delle illusioni. Il punto di incontro tra la personalità e la profondità di un essere risiede nei valori terreni e spirituali che egli può coltivare solo grazie agli stimoli che riceve, divenendo a sua volta uno stimolo per tutti gli altri. Con ciò, si rende evidente che oltre alla propria evoluzione, ogni uomo partecipa all’evoluzione di una società intera quando prende delle posizioni, andando a concorrere con le sue scelte al verificarsi di tutte quelle coincidenze sopra menzionate, che faranno propendere l’intera società verso i tratti della personalità più o meno nobile o di una spiritualità più o meno evoluta.

A prima vista potrà forse apparire eccessivo da considerare, ma alla luce di quanto esposto, non si può escludere il nostro coinvolgimento dall’odierna situazione sociale che stiamo vivendo. Invero, la significativa mancanza di valori ha reso la nostra società passiva e manipolabile, facendola propendere verso i tratti più bassi della personalità umana, le cui ragioni meriterebbero un serio approfondimento della storia degli ultimi settant’anni di cui non mancherò. Ciò nonostante, quello che in questo momento si sta consumando è prima di tutto il risultato di una mancanza verso noi stessi, verso quell’unità di valori che crediamo di essere e che invece si rivela nelle sue mille sfaccettature. Ora, completamente smarriti non sappiamo più nemmeno quale delle tante facce sia meglio da utilizzare per affermarsi, e non sappiamo più a quale santo votarci per mancanza di stimoli, ma non è la prima volta che come umanità sprofondiamo nel baratro, è proprio nel baratro, ci accorgiamo delle nostre mancanze e dell’importanza di riscoprire i valori spirituali.   

Sapete come si dice: chi non conosce la propria storia è condannato a ripeterla. 



Autorizzo la condivisione e l'utilizzo in toto o in parte dei miei articoli purchè non siano modificati nei contenuti. Entra nel menù e iscriviti subito al blog per ricevere le notifiche sulle mie prossime pubblicazioni, è facile e gratuito.   

Commenti

Post popolari in questo blog

LA MENTE NELLO YOGA

LA MENTE NELLO YOGA Nella pratica dello Yoga, si dice che uno dei maggiori ostacoli da superare sia la nostra mente. A questo proposito le spiegazioni degli esperti si sono fin sprecate, è non ho nulla da aggiungere a ciò che ormai è risaputo, tuttavia, per quanto considero vere certe affermazioni, ritengo che l'argomento possa essere ulteriormente approfondito. La Mente è un ostacolo? Beh, questa è un'affermazione un pò troppo generica, anche perchè l'area cerebrale è piuttosto estesa, e un'altra cosa ben risaputa, è che di tutta quella massa quando va bene siamo in grado di sfruttarne solo il 15%. Detto ciò, bisognerebbe chiarire cosa s'intende per "mente", tutto il cervello o solo un'area di esso; g li esperti di Yoga allora a cosa si stanno riferendo? Io credo che affermare che la mente sia il problema, ciò non sia una risposta sensata allo Yoga, ma alle anormali condizioni sociali, ambientali e morali dei nostri tempi

ALLA RICERCA DI DIO

Dovremmo partire dal presupposto che Dio non è una cosa o una persona, ma un concetto, come ce ne sono molti, e per questa ragione può assumere diverse interpretazioni. Alcune di queste ragioni sono diffuse e condivise da un numero spropositato di persone, le quali trovano nelle diverse religioni una concezione adeguata in base alla propria cultura sociale. Chiaramente, indicando Dio come termine assoluto, non è possibile che ne esistano diversi, intendo con ciò un Dio cattolico, un Dio ebreo, un Dio arabo o un Dio orientale. La contesa, infatti, non riguarda tanto Dio, quanto l’interpretazione che si ha del suo concetto, che cambia ed è cambiato secondo il periodo storico e dell’area geografica. Le religioni tuttavia non sono un concetto, non sono assolute come Dio, e per quanto possano raccogliere il favore di molti, questo non significa che siano condivisibili da tutti. Tanto meno possiamo ritenere che il chiarimento di un concetto spirituale possa avvenire solo a

LE BELLE STATUINE

LE BELLE STATUINE PERCHE'? Perchè le persone dovrebbero decidere di percorrere il sentiero dello Yoga? E allo stesso tempo, perchè così tante persone lo stanno praticando? Anche solo per sentito dire, che abbiate sperimentato in passato, o che stiate facendo esperienze pratiche in questo momento legate alla Disciplina dello Yoga, di sicuro non vi sarà difficile dare una risposta alle mie domande, deducendo che probabilmente la stessa motivazione è all'origine di entrambe le risposte. Perchè seguire la Via, e perchè così tante persone la stanno praticando? Prendetevi ancora un attimo per riflettere prima di proseguire con l'aricolo.. Io non sono così convinto che la risposta sia la medesima, certo, ci sono analogie comuni, ma per una risposta adeguata serve esperienza, conoscenza, e metodi precisi; non opinioni. Questo è un dramma! E infatti opinione comune che lo Yoga sia di base un metodo necessario al proprio benessere, ma vorrei far osserv